29 maggio 2007

Linux vs Micro$oft


Dopo le pesanti dichiarazioni di due rappresentanti della Microsoft, secondo le quali chi usa software libero puo' infrangere una delle 235 proprieta' intellettuali della Micro$oft, non si fa attendere la risposta della Linux Foundation .
Il direttore esecutivo di Linux Foundation, Jim Zemlin, fa dichiarazioni al vetriolo e sostiene che la sua organizzazione è pronta per fornire appoggio legale a chiunque sviluppi software Linux e venga chiamato in causa a riguardo di tematiche collegate con presunte violazioni di brevetti. "Anche singoli membri dell'"ecosistema" Linux sono detentori di un significativo portafoglio di brevetti, non solo Microsoft", ha affermato Zemlin. "Gruppi industriali come l'Open Innovation Network e i programmi legali che abbiamo avviato come Linux Foundation sono in grado di raccogliere sotto un unico ombrello un "arsenale" di brevetti in grado di bloccare eventuali azioni legali. Abbiamo anche creato un fondo per difendere sviluppatori ed utenti opensource dagli attacchi. Non ci aspettiamo di ricorrervi ma, qualora ve ne fosse la necessità, utilizzeremo il fondo per difendere Linux".

Fonte

2 commenti:

S.B. ha detto...

Microsoft è sempre più alla frutta...

- ha detto...

...l'erba cattiva non muore mai.....