15 luglio 2008

Hitler plays Bill Gates

7 commenti:

Mirko ha detto...

Che squallore. Paragonare robette da nerd ad una tragedia che ha ucciso milioni di persona.

rvinside ha detto...

ma che spettacolo!!! :D

rvinside ha detto...

ma che spettacolo! :D

Marlene ha detto...

non si può fare un po' di ironia che subito si punta il dito. mirko ti hanno fregato. sveglia. e sorridi ogni tanto.

su610 ha detto...

La satira (dal latino satura lanx, nome di una pietanza mista e colorata) è una forma libera e assoluta del teatro, un genere della letteratura e di altre arti caratterizzato dall'attenzione critica alla politica e alla società, mostrandone le contraddizioni promuovendo il cambiamento. Sin dall'Antica Grecia la satira è sempre stata fortemente politica, occupandosi degli eventi di stretta attualità per la città (la polis), ed avendo una notevole influenza sull'opinione pubblica Ateniese, proprio a ridosso delle elezioni. Per questo motivo è sempre stata soggetta a violenti attacchi da parte dei potenti dell'epoca, come nel caso del demagogo Cleone contro il poeta comico Aristofane.

La satira, storicamente e culturalmente, risponde ad un'esigenza dello spirito umano: l'oscillazione fra sacro e profano. La satira si occupa da sempre di temi rilevanti, principalmente la politica, la religione, il sesso e la morte, e su questi propone punti di vista alternativi, e attraverso la risata veicola delle piccole verità, semina dubbi, smaschera ipocrisie, attacca i pregiudizi e mette in discussione le convinzioni.

«La satira -scrive Daniele Luttazzi- è un punto di vista e un po' di memoria». Questo, assieme ai temi rilevanti che affronta, la distingue dalla comicità e dallo sfottò (la presa in giro bonaria)[1], nei quali l'autore non ricorda fatti rilevanti e non propone un punto di vista ma fa solo del "colore".

Wlkipedia

ggiacomoo ha detto...

it's ok, he doesn't know you dual boot linux

ahahahaha ahhahhaha stupenda

pasqoo ha detto...

lol infatti, m'ha fatto morire quella battuta XD